Anno III - Numero 35
È tutto sempre molto semplice se sei uno stupido.
Massimo Mantellini

mercoledì 18 ottobre 2017

La partita Italia-Francia si gioca nel sud della Libia

Se venissero confermati gli incontri fra “delegazioni inglesi e francesi” con “alcuni capi dei gruppi armati nella città di Sabratha, a ovest della capitale Tripoli”, di cui hanno parlato i media libici, diventerebbe chiaro che vi siano dei giochi in corso tra Italia e Francia per estendere la propria influenza in Libia
di Vanessa Tomassini

«Milizie di opposizione del Ciad e le milizie di opposizione sudanesi, con alcuni mercenari istigati dai Tabbou e dalla Francia, stanno mobilitando grandi forze al fine di attaccare i campi petroliferi, raffinerie di petrolio, pozzi d’acqua, miniere d’oro; occupando molte città e organizzando l’immigrazione clandestina, nel sud della Libia». A dire queste cose è Ahmed, abbiamo deciso di chiamarlo così per tutelare la sua privacy. Ahmed, funzionario della sicurezza, scrive proprio da una di quelle città sul confine sud libico, dove la connessione internet è molto lenta. Parla senza tanti problemi di una «guerra che sta per scoppiare sotto l’egida dello Stato francese».

Ahmed ama l’Italia, ha letto i nostri articoli e ci dà qualche notizia di ciò che sta succedendo nel sud della Libia, dove Ghassan Salamè, inviato delle Nazioni Unite per la crisi libica, non è riuscito ad andare e di cui i media difficilmente parlano. Ci spiega che “l’Italia era presente nel sud del Paese già nel 2011 con le forze di Misurata. Poi la Francia ha inviato le milizie ciadiane, sudanesi e i mercenari”.

Continua la lettura su Notizie Geopolitiche
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...